Che cos'è la Comunicazione Non Violenta?


La Comunicazione Non Violenta, detta anche Comunicazione Empatica, si basa sul principio che sentire empatia fa parte della nostra natura umana e che le strategie violente, siano esse fisiche o verbali, sono comportamenti appresi fin dai primi anni di vita, che la cultura prevalente insegna e sostiene, che ci allontana da noi stessi e dagli altri.


Marshal Rosenberg, negli anni ’70, ha sviluppato un modello di Comunicazione che consente di trovare maggiore efficacia nella comunicazione, maggiore comprensione, connessioni più profonde e risoluzione dei conflitti.


Secondo Rosenberg il modo in cui usiamo le parole ha un ruolo cruciale nel rimanere

connessi empaticamente con noi stessi e con gli altri.


Infatti, la Comunicazione Non Violenta si basa su tre aspetti fondamentali:


  1. Auto-empatia, l’ascolto di se stessi;

  2. Empatia, ascolto dell’altro;

  3. Auto-espressione onesta, esprimere autenticamente il proprio sentire e i propri bisogni.

La CNV è un processo di comunicazione costituito da quattro punti chiave:


  1. L’Osservazione oggettiva dei fatti (senza interpretazioni).

  2. I Sentimenti che proviamo nel momento in cui accadono i fatti.

  3. I Bisogni soddisfatti o insoddisfatti che stanno dietro ai sentimenti.

  4. Le Richieste che rappresentino ciò che vorremmo che l’altro facesse per soddisfare i bisogni presenti in noi in quel momento e che aiutano a sentire ciò che è vivo in noi e nell’altro e a fare chiarezza.

35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ti Amo